Ma quella “costa” ormai non esiste più…

Share via email

Concludiamo per oggi, domenica 17 Gennaio 2010, il trittico degli interventi sul nome della Costa degli Dei, apparsi ieri sul quotidiano Calabria ora, con la pubblicazione della lettera-sfogo di Angelo Scordamaglia, ricadese d’origine emigrato nel 1966 ed oggi residente a Canonica D’Adda in provincia di Bergamo. La pubblichiamo per ultima, perché riteniamo che lo sfogo presente in essa sia non solo legittimo, ma presenti verità assolutamente incontrovertibili, che ci sentiamo di condividere integralmente e perché nella parte finale è presente un appello-monito che deve essere preso alla lettera da tutti coloro, a cominciare da chi vi scrive, che dicono di amare questa costa. Ci sembra un appello sensato e sentito che nella sua semplice e diretta incisività raccogliamo e rilanciamo. Buona Domenica a tutti i nostri lettori.

2145958163.jpg

Buona sera, leggo giornalmente on line il vostro quotidiano, vivendo ormai da 42 anni lontano dalla Calabria, e sto seguendo inorridito la disputa per sapere di chi sia la paternità della denominazione “Costa degli dei” del litorale Tropea – Capo Vaticano. Sinceramente, da tutti gli “intellettuali” scesi in campo mi sarei aspettato molto di più. Essendo loro operatori dell’informazione, dovrebbero “denunciare” che non esiste più da decenni né “Capo Vaticano” né la “Costa degli dei”! Imprenditori improvvisati, speculazione edilizia selvaggia, discariche abusive di ogni genere, amministrazioni incapaci, hanno cancellato una meraviglia della natura. Il signor Michele Garrì e il signor Maurizio Bonanno dovrebbero raccontare cosa sia rimasto della “Baia di Santa Maria”, della “Baia di Grotticelle”, di “Torre Marino”, della “Spiaggia di Formicoli”, della “Baia di Riaci” e via discorrendo, tutte località nel territorio del comune di Ricadi dove io nacqui e da dove, con la morte nel cuore, emigrai al Nord nel 1966 fresco di studi. Abbiamo assistito tutti noi calabresi del luogo allo scempio perpetrato, e non avendo denunciato per tempo, siamo corresponsabili. Altro che “Costa degli dei”! Se “dei” è l’acronimo di degrado-discarica (d), eterno (e), impunito (i), allora va bene, di contro il Capo Vaticano di Giuseppe Berto non esiste più. Sarebbe opportuno impegnarsi per salvare il salvabile, cordialità.
Angelo Scordamaglia
Canonica D’Adda (Bg)

Gli altri interventi

Maurizio Bonanno

Michele Garrì

Carlo Beneduci

Michele Garrì secondo intervento

Share via email

Lascia un Commento