La cipolla rossa di Tropea ed i suoi benefici per la salute: una panoramica.

Share via email

404599574.jpgAbbiamo dedicato ampie pagine alla regina della tavola tropeana. La storia, le ricette, i modi diversi di cucinarla, anche una poesia di Pablo Neruda. Altre notizie e curiosità cercheremo di offrire ai visitatori del nostro blog, nel tentativo di “onorare” questa prelibatezza delle nostre terre che da un anno vanta il marchio di Indicazione Geografica Tipica (IGT). Nella nostra gastronomia è utilizzata, come si è detto,  per innumerevoli ricette. Cruda o bollita;  in insalate e fritta; ingrediente immancabile in zuppe, minestre e sughi; ottima la frittata di cipolle che ha un gusto squisitamente e delicatamente dolciastro; una citazione particolare va fatta anche per ricordare l’importanza che questa assume nel famoso “fegato alla veneziana”; ottimo è mangiarla cruda immessa abbondantemente nei fagioli preparati con olive nere capperi e pomodoro. E si potrebbe continuare a lungo. Oggi invece, proponiamo la valenza medica della cipolla rossa di Tropea, la sua efficacia per prevenire tantissime patologie.

La cipolla,  presenta virtù terapeutiche e soprattutto depurative: ricerche mediche svariate hanno dimostrato che le cipolle, in particolare quelle di colore rosso violaceo come le cipolle di Tropea, abbasserebbero notevolmente il rischio di cancro al fegato, al colon, alla laringe e alle ovaie.
L’elevatissimo contenuto di flavonoidi, quercetina, sali minerali e fenoli, in combinazione con altri minerali depurativi quali il potassio ed il ferro contenuti nelle cipolle rosse di Tropea, favorirebbe  molto questo effetto benefico.
Liberando l’organismo dalle tossine, le cipolle riducono infatti il rischio d’infiammazioni e non costringono il sistema immunitario ad essere sempre attivo. In questo modo, gli anticorpi sono in grado di eliminare immediatamente gli eventuali focolai di tumore e, nel caso in cui siano già presenti, potrebbero facilitare la loro regressione.
Tutta la pianta contiene un’essenza volatile ricca di glucosidi solforati; il più importante è il disolfuro di allilpropile, essenza a cui è dovuta la maggior parte delle sue proprietà.
Dal consumo di questo bulbo, immettiamo nel nostro organismo composti solforati di cromo, che hanno il potere di ridurre gli zuccheri nel sangue; quindi è una buona cura contro la glicemia, regolano il numero di trigliceridi (grassi in circolo sanguigno), riducono il livello di colesterolo (grassi che si accumulano sulle pareti delle arterie, restringendole) e, in tal modo prevengono l’ipertensione arteriosa, l’aterosclerosi ed altre malattie cardiovascolari.
La cipolla ha anche un effetto digestivo perché  contiene molti enzimi (fermenti).
E’ ricca di vitamine (A, quasi tutto il complesso B, C,E) ed oligoelementi (zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo);
E’ diuretica per la presenza di specifici flavonoidi che agiscono in tale direzione ed, infine, la glucochinina, un ormone vegetale dall’azione antidiabetica.
Gli olii essenziali della cipolla cotta hanno un potere lassativo e regolatore intestinale. L’Adenosina e altre sostanze, agiscono sulle piastrine e stimolano la disgregazione dei coaguli nel sangue (anticoagulante).
Per tutti questi effetti positivi sulla salute, gli specialisti ne raccomandano il consumo quotidiano, abituando al loro sapore anche i bambini sin dai primi anni di vita.
Le proprietà nutrizionali e quelle curative delle cipolle rosse di Tropea esplicano la loro forza maggiore “a crudo”, in quanto il calore della cottura riduce il loro potere curativo. Ma a non tutti piace il loro sapore. Alcune ricette da noi suggerite e pubblicate, possono ovviare a questo “problema”.
Le cipolle, soprattutto se consumate crude, possono lasciare uno sgradevole alito cattivo: per rimediare a questo inconveniente si può tenere in bocca e masticare uno o due chiodi di garofano. Durante la loro preparazione, per evitare il bruciore e la lacrimazione degli occhi, si consiglia di sbucciarle e tagliarle tenendole immerse in una bacinella piena d’acqua o anche con un fiammifero di legno tenuto in bocca, fra i denti, con la parte dello zolfo verso l’esterno, in modo da neutralizzare l’effetto pianto.  E’ comunque sconsigliato il loro consumo, specie a crudo,  a chi soffre di iperacidità e di ulcera gastrica.

Riassumendo possiamo dire che la cipolla rossa di Tropea  agisce con i seguenti effetti:

1) Espettorante: lo sciroppo di cipolla con un po’ di miele è un rimedio ideale per alcune affezioni respiratorie; i gargarismi con brodo di cipolla decongestionano invece la faringe e sono molto utili in caso di tonsillite.

2) Ipotensore, diuretico, depurativo: si consiglia a chi soffre di trombosi perché fluidifica il sangue e ne facilita la circolazione.

3) Tonificante dell’apparato digerente e dell’organismo in generale: aiuta la digestione e l’assimilazione del cibo, anche se è sconsigliata a chi soffre di iperacidità e di ulcera gastroduodenale persistente. Stimola la funzione metabolica e disintossicante del fegato e pertanto è consigliabile a che soffre di alcune malattie epatiche. Normalizza la flora intestinale e rallenta i processi putrefattivi che liberano sostanze tossiche legate al cancro del colon e del retto. Contiene enzimi che attivano il metabolismo e che stimolano la produzione del sangue (effetto antianemico), apportando ferro ed oligoelementi.

4)Vermifugo: è efficace contro gli ascari e gli ossiuri; in questo caso la cipolla deve essere consumata cruda.

5) Antibiotico: l’azione del suo succo, applicato esternamente, è stata dimostrata su vari batteri cause di infezioni della pelle.

6) Cosmetico: in uso esterno la cipolla stimola la crescita dei capelli, ammorbidisce e rende più bella la pelle, purifica le pelli impure con foruncoli e acne.

7) Ipoglicemizzante: per effetto della glucochinina abbassa il livello di glucosio nel sangue permettendo di ridurre le dosi di insulina o di farmaci specifici.

8) Lassativo: per gli olii contenuti i essa.
9) Afrodisiaco: l’ossido nitroso svolge un’azione preventiva contro l’impotenza e ha potere di stimolante sessuale, per questo, (almeno così è sostenuto da qualcuno), anticamente in Egitto si preparavano decotti di cipolla per stimolare la libido. Ma su questo argomento torneremo ancora perché argomento di forte interesse.

Un consiglio ci sentiamo di darvelo per concludere questo post: quando si fanno pasti piuttosto grassi, accompagnare a questi, contorni di cipolle fritte o lessate, in quanto le sostanze in esse contenute permettono di neutralizzare l’azione coagulante che questi grassi provocano nel nostro sangue e nel contempo evitano che questi grassi si trasformino in colesterolo.

Le proprietà terapeutiche della cipolla come quelle dell’aglio, sono immense e, andrebbero meglio sfruttate in quanto a differenza dei medicinali prodotti dalle industrie farmaceutiche, non danno spiacevoli effetti collaterali. Negli Stati Uniti d’America un cardiologo, dopo aver letto un papiro egiziano, ha sperimentato i poteri della cipolla curando alcuni pazienti affetti da cardiopatia e che avevano un valore basso di colesterolo (buono) HDL, con il consumo di una cipolla cruda al giorno. Dopo poco più di due mesi i valori del colesterolo HDL sono aumentati in quasi tutti questi pazienti. La funzione del colesterolo HDL è quella di raccogliere e trasportare il colesterolo (cattivo) LDL al fegato che si occupa di distruggerlo.

Ci auguriamo che questo post, non venga letto come un apologia della cipolla rossa di Tropea fatta da un tropeano “consumatore accanito” della ‘rossa’, ma sia per tutti un invito al suo consumo ed al suo impiego, nella cucina e nelle ricette quotidiane.

Link ed articoli correlati:

La sagra della cipolla rossa di Tropea a Luglio

La cipolla di Tropea contro la stanchezza

L’azienda Schiariti produttrice leader della cipolla rossa di Tropea

Gastronomia

Ricette di Tropea e dintorni

Share via email

14 pensieri su “La cipolla rossa di Tropea ed i suoi benefici per la salute: una panoramica.

  1. Certo Antonella, anche per questo. Va assunta a crudo, se ci riesci. Bagnala con l’aceto e l’olio, mettici un poco di basilico o mischiala con pomodori, radicchio, tonno. Insomma una bella insalata con cipolla rossa di Tropea fa proprio bene.

  2. Veramente sono meravigliata da tutti questi benefici che contiente la cipolla di Tropea. Grazie e metterò in pratica questi consigli.
    Abito in Venezuela e la nostra cipolla rossa…spero sia quasi uguale a la vostra.
    Saluti,
    Anita

  3. so benissimo che la cipolla di tropea fà benissimo all’organismo umano. ma io vorrei trovare un deposito , dove posso comprare un mazzo di cipolle di tropea , per piantare , nel mio giardino, abito in francia. C’è qualcuno che mi potrebbe spedire un mazzo di cipolle di tropea, mi contatta via mail …. grazie molto.

  4. Caro Franco, premesso che la cipolla di Tropea piantata altrove non penso possa dare lo stesso risultato, così come altri hanno già testimoniato, per avere i semi della rossa di Tropea basta che mi mandi il tuo indirizzo nella mia casella di posta e te ne farò recapitare un paio di buste (c.ca 300 gr. di semi). Ti dirò anche come e dove piantarla, il periodo e la semina come va fatta.
    Pagherai solo la spedizione che farò a tuo carico. Poi mi dirai se l’esperimento funziona anche in Francia. Ciao
    lucioruffa@gmail.com

  5. Ciao mi chiamo Gianluca e vivo a Torino. Sono da pochi mesi consumatore della cipolla rossa di tropea; è miracolosa!!! La mia vita è cambiata, urino tanto di più,
    rendo molto più nella corsa, l’erezione è veramente diversa, la mia digestione tra lo sport e la cipolla di tropea, ha avuto un impatto pazzesco. Grazie a Dio per questa cipolla rossa di Tropea, che tra l’altro mi piace anche tanto, tanto al punto di volerla seminare nelle cassette del mio balcone per l’anno prossimo ciao a tutti
    .

Lascia un Commento